Jump to content

andreayesman

Members
  • Content Count

    207
  • Joined

  • Last visited

Posts posted by andreayesman


  1. Ciao a tutti, scrivo in questa sezione perchè nonostante non siano strumenti del mestiere sono comunque materiale che un dj/produttore dovrebbe avere per produrre o comunque usare software di editing audio. Ora mi rivolgo principalmente ai più esperti, volendo iniziare a documentarmi sulla produzione (non produrre, so che la strada è lunga e sinuosa) volevo sapere se c'era qualche libro da poter leggere, fatto bene, terra terra che spiegasse un po' i pilastri portanti dell'editing audio. Premetto che non ho mai suonato una nota in vita mia, ma ho tanta voglia di imparare e abbastanza tempo a disposizione. Voi avete qualche bel libro da consigliarmi? Spero che questa discussione possa servire per i futuri diggei-producer, che arrivano e vogliono conquistare il mondo. Un po' di umiltà ragazzi :) A breve vorrei anche iscrivermi ad un corso per imparare ad usare una tastiera, almeno per imparare le note (ho suonato solo il flauto alle medie). Grazie a tutti


  2. Premetto che non ho idea di come siano le manopoline di questo compressore, ma vedendo le foto (abbastanza sgranate) su Internet ho visto che sono delle normalissime manopoline che si trovano anche sui mixer; ergo, se vai in un qualsiasi negozio di elettronica le puoi trovare, magari anche in sacchettini, ad un prezzi irrisorio. Cambiale tutte, così un domani lo puoi vendere come "personalizzato", con "finiture mai viste prima" e come modello unico :D

    A parte gli scherzi, rischi di sbatterti tanto per nulla. Fai come ha detto Clown che è la soluzione migliore.


  3. Ah si? Bè, personalmente non mi sono mai posto il problema, non so tu, ma compro e vendo regolarmente online e non ho mai avuto un problema. Guardo le statistiche sulla carta, bene o male so come sono, avendolo provato da amici o avendo vecchie esperienze. Se hai paura dell'acquisto online vai tranquillo, parliamo dell'hp, non della gelateria otto casa. Se invece lo vuoi provare è un altro paio di maniche, anche se in negozio di certo non puoi installare i tuoi programmi e cercarne uno con le caratteristiche simili è impossibile, come ben saprai. Se il problema è il prezzo, un po' altino effettivamente, p ancora un'altro paio di maniche


  4. Ciao, dipende dall'uso che ne vuoi fare. Se lo vuoi solo per vedere dove sbagli/farlo sentire agli amici, quindi con una scarsa qualità audio puoi anche semplicemente collegare al mixer un cavetto RCA-jack, una sull'uscita del boot del mixer e il jack nell'ingresso del pc, e se hai un mac puoi usare il registratore integrato (apri QuickTime Player --> nella barra in alto premi "Archivio" --> Nuova registrazione Audio). Io faccio così, ma se hai windows devi usare un programma come Audiacity (ma ne esistono molti altri). Fammi sapere se hai combinato. L'alternativa è comprare una scheda audio esterna. Ma li ho poca esperienza e lascio la parola ad altri.


  5. se le vuoi solo per mixare in camera non ha troppo senso prendere delle vere monitor, vanno benissimo due casse qualsiasi. paghi della "tecnologia" che non ti serve.

     

    Ecco, prova a spiegarglielo tu, perchè da quello che ho letto e capito credo che lui creda (scusate il gioco di parole) che le monitor costino meno delle normali. E credo anche che non abbia ben presente quello che il mercato offre/le sue esigenze.


  6. Ohh, Clown, speravo qualcuno rispondesse, trovo che il forum sia un po' adagiato, poco movimento, speravo di ridare un po' di colore. Comunque, credo che se un pezzo è fatto bene lo si debba suonare indipendentemente dal fatto che ia nato per vendere o meno. Tante volte purtroppo è solo la pura commerciale fatta dai big ad "andare" lasciando ben poco spazio alle vecchie e care tracce da club. Spero che in Italia si possa muovere qualche cosa in quella direzione, lasciando perdere le discoteche sempre più grandi per tornare al club, il quale non ha rivali in termini di qualità musicale


  7. Ciao a tutti, di ritorno dalla pausa estiva eccoci di nuovo qui, pronti a riprendere in mano i dischi per ricominciare a suonare. Spesso quando preparo una serata, nella selezione dei dischi da portare mi dico spesso tra me e me "troppo commerciale" oppure "questo non lo porto, è troppo poco conosciuto perchè possa essere apprezzato". Ho aperto questo topic, sperando di fare cosa gradita, per parlare della differenza, per me troppo soggettiva per avere uno standard, tra musica Commerciale e musica Underground. Per me una traccia diventa commerciale quando chi la produce la fa con l'intento di venderla. Quando il producer inizia un pezzo con l'intento di venderlo, di guadagnarci il più possibile, allora quella è commerciale. Dalla parte opposta invece colloco l'underground, e per me un pezzo lo è quando vengono sperimentati suoni nuovi, quando un pezzo è difficile da concepire, quando è pensato e studiato per non essere uguale agli altri pezzi. Quando chi la produce crea la sua opera d'arte con l'intento di avere una cosa unica nel suo genere...

     

    Ora vi lancio la palla al balzo, secondo voi cos'è la musica Commerciale e l'Underground? Come la classificate/catalogate? In base a cosa un pezzo è commerciale o meno? :)


  8. Senza andare contro nessuno mi sento in dovere di darti un'altra possibilità: costruirtele. (hahaha, so che vi è piaciuta la battuta, non è proprio come sembra adesso spiego). Vai a comprare delle casse, le più mediocri che trovi, anche dai cinesi, l'unica cosa alla quale devi stare attendo è che costino il meno possibile ;) . Fatto questo ti rechi nei supermercati della tua zona, centri commerciali, e vai a vedere nel reparto "auto" se hanno degli speaker di marca, vedo spesso degli Alpine che sono abbastanza buoni e non costano tantissimo. Basta che abbiano lo stesso diametro (quelli montati nelle casse che hai comprato e quelli nuovi che compri). Se la cassa che hai comprato non è dotata di amplificatore ne puoi tranquillamente comperare uno online, in uno dei molteplici siti di e-commerce, basta studiare un pò i valori che servono a te e ne prendi uno che li soddisfi. Poi vai da un tuo amico che ha un saldatore a stagno e togli i vecchi speaker e metti su i nuovi (lavoro da qualche secondo). Se devi attaccare l'amplificatore puoi attaccarlo direttamente alla cassa, e metere i fili del collegamento interni in modo da farla diventare "attiva". Non serve avere molta esperienza, basta studiare un minimo le tue necessità e comprare oggetti che soddisfino le tue richieste. Facendo così ti smazzi abbastanza, ma hai un prodotto, sicuramente non bello, ma con una discreta qualità audio, con il quale puoi fare qualche festicciola piccolina, a costo minimo. Secondo me non superi i 150€ tutto compreso ;) Adesso via alle critiche l mio commento :)


  9. Guarda, io per altre necessità (abbastanza simili alle tue, uso di programmi abbastanza "pesanti" ed avidi di risorse) stavo guardando oltre ai macbook (i migliori a parer mio, ma se vuoi stare su Windows va benissimo) l'HP ProBook 6475b. E' uscito da poco, ha delle ottime caratteristiche ma fossi in te prenderei quello in mezzo della famiglia, l'unico con il processore quad-core, per intenderci (a dirla proprio come si mangia, sono 4 processori in uno). Io prenderei in considerazione anche quello ;)


  10. Ovviamente se andiamo a suonare io e te no.. ma la mia idea sarebbe quella di non fare in pieno stile Tomorrowland, tutti che ascoltano solo uno.. una specie di parco a tema: un po' come avviene nelle discoteche con la main room e i privè.. cioè, spazi adibiti a grandi nomi, ma non esclusivamente 24 ore al giorno, magari uno al giorno.. e il resto del parco in cui suonano giovani, ovviamente accuratamente selezionati.. non so, mi vengono in mente i finalisti del pioneer dj contest italia, per dirne 3, persone conosciute da chi segue, che hanno la possibilità di farsi conoscere ancor di più. Secondo me funzionerebbe (mia personalissima opinione eh)..tu dici di no?


  11. Io ho ben presento l'argomento, caro the Clown, e ti assicuro che non sto parlando di festival cittadino, ma di qualcosa di molto più grande, infatti ho parlato di economia locale, cioè, di un luogo, più o meno esteso. Organizzare una cosa della grandezza stile tomorrowland credi che non farebbe ripartire l'economia di una zona? della grandezza, non dello stile, quello sarebbe leggermente da cambiare a parer mio.


  12. Non sto dicendo 4 ragazzotti presi al bar, sto dicendo che non serve chiamare hardwell, Sebastian Ingrosso e affini per poter fare un grande evento. Nessuno ha mai parlato di Maria De Filippi. E si, far ripartire almeno l'economia del posto in cui si svolge, credi che debba per forza essere una cosa a livello nazionale? No, perchè qui c'è un errore di fondo. Studio per diventare geometra e qua basta costruire anche solo una cosa in montagna per poter far girare l'economia di un paese, basta una palazzina per rimettere in moto tutta l'economia del paesello o borgo.. perché non si può estendere questo concetto anche ad un festival? Ovviamente sto parlando di cose fatte in grande, non i 4 sfigati che si trovano al bar


  13. Io sono d'accordo con Snap fino ad un certo punto.. è sicuramente vero e appurato da tutti che in questo momento le priorità sono ben altre, ma credo anche se chi di noi non sarebbe disposto a spendere 10-20€ per una giornata all'insegna della musica, soprattutto tra i ragazzi. Io credo che queste cose vadano organizzate con la testa, innanzitutto in una location idonea, come già dicevate e poi soprattutto dai prezzi contenuti..Questo a prescindere dall'evento (ad esempio qua da me tra qualche giorno si "esibirà" David Baguetta, 40€ il biglietto sul prato, a dir poco una follia, a prescindere dal personaggio sono davvero troppi) io penso che al di là del momento difficile per l'economia potrebbe, anzi, essere un modo per dare lavoro a tutte le persone che dovrebbero organizzare e attuare fisicamente quello che organizzato. Per me non è necessario avere star di calibro internazionale a suonare, basta prendere dei bravi ragazzi, magari sconosciuti per dar loro anche dello spazio, e puntare molto sul far conoscere giovani nuovi e far ripartire un po' l'economia, seppur davvero poco, se fosse una cosa davvero grande ed importante dovrebbero lavorarci diverse persone dietro.

    Scusate se mi sono espresso male/non mi sono spiegato bene ma sono abbastanza di fretta ;)


  14. Scusate, ma non potete dirmi che voi vi ricordate tutti gli album solamente guardando le copertine. Cioè, quando sono pochi ok, ma quando si iniziano ad avere centinaia di dischi reputo che sia davvero difficile ricordarsi tutte le canzoni solo dalla copertina del cd. Quindi per ovviare al problema che vengano suonate sempre e solo le stesse canzoni io trovo giusto che si scorra l'elenco delle canzoni per titoli, quelli più o meno si ricordano, il ritornello, ed è più facile.. non venite a dire che conoscete a memoria le vostre tracce semplicemente guardando la copertina perchè i casi sono 2: 1) avete 2 cd, 2) sarebbe una grande baggianata :)


  15. Ah si, quello è vero.. Infatti io sono della tua stessa opinione, il lavoro lo fai una volta e dopo devi solamente inserire le chiavette e goderti tutto il tuo lavoro :) molto meglio che dover trafficare con schede audio, computer, driver, impostazioni sbagliate (sono un forte sostenitore della tecnologia, non prendetemi per colui che vorrebbe scrivere a china, anzi)


  16. Premetto che non uso nessuno dei due, sono fedele ai cdj "collegati con gli RCA", ma credo che tra i due sia decisamente migliore rekordbox. Ho solo avuto l'occasione di vederli in azione, ma mai provarli. Ora motivo anche la mia presa di posizione: essendo un forte sostenitore dell'hardware rispetto al software (solo in questo campo, sia chiaro) non perchè credo che chi utilizza solo software debba per forza usare il sync, per dirne una, ma perchè credo che la figura del dj, e tutto quello che intorno a lui ruota, sia anche composta dalla consolle. Non è assolutamente un discorso "ce l'ho più lungo", ma credo che il sudore con il quale si mettono via i soldini per comprare una consolle, i soldini che si mettono via per fare i ari upgrade, i soldini che si mettono via per i cd/vinili, bè, quello manca in chi compra un controller. Quindi credo che rekordbox abbia dalla sua l'enorme esperienza pioneer in campo hardware, anche se, contro la pioneer, bisogna dire che i prezzi non sono nettamente accessibili alla stra grande maggiornaza degli individui a cui è destinato quel prodotto (nexus). Sono 5/6 mila euro di consolle, non proprio una bazzecola. Quindi credo che anche se adesso sicuramente "tira" di più traktor in un futuro decisamente prossimo questo verrà spazzato via da mamma pioneer, salvo colpi di scena del tipo "annunciato software per la gestione delle traccie in casa denon" oppure " riapre la techincs, nuova collana di giradischi per dj". ;) Scusate gli eventiali errori di battitura, ma l'ho scritto molto di fretta ;)

×