Vai al contenuto

tonherm

Members
  • Numero contenuti

    23
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

10 Good

Su tonherm

  • Rank
    New DJ
  • Compleanno 17/10/1978

Converted

  • Location
    san daniele del friuli

Converted

  • Interests
    ascoltare tutti i generi, mixare dance90 e progressive

Converted

  • Occupation
    meccanico
  1. qual è la ricevuta di beatport da stampare?

    finalmente qualcuno ben informato che mi schiarisce un po le idee!! non ero neanche a conoscenza della presenza del "watermark" nè di cosa fosse.... sono rimasto ai tempi dei bollini siae dei vinili sembra che le cose vadano meglio di come mi aspettassi quindi per rimanere in termini di legalità in futuro potrò fare copie dall'originale scaricato, mantenendo le informazioni del watermark sulle "copie lavoro" o dovrò eseguire un altro download dal sito d'acquisto? chiedo questo perchè i siti solitamente mettono a disposizione un tempo limite per il download di 24/48 ore dopo l'acquisto....
  2. qual è la ricevuta di beatport da stampare?

    scusa ma i conti non mi tornano... che senso ha sottoscrivere un contratto con la siae quando se non lo sottoscrivi non puoi essere sottoposto a controlli/contravvenzioni da parte loro? provo a spiegarmi un po piu semplicemente anch'io, cosi evito di farti perdere tempo in lunghe complesse diatribe: posso prendere i miei strumenti ed andare a suonare in qualche locale con al seguito solo il materiale scaricato legalmente sul pc dove ho scaricato i files originali e le mail relative agli acquisti di beatport senza sottoscrivere nessun tipo di licenza o mi manca qualcosa per essere in regola? ....certo che con i dischi era tutto più semplice, li mettevi in borsa e via
  3. qual è la ricevuta di beatport da stampare?

    io non ho nessun contratto con la djonline, da quanto ne so non e obbligatorio e serve per le copie lavoro, se io scarico direttamente sul portatile che intendo usare per suonare non farei uso di copie lavoro...
  4. ciao a tutti e ben ritrovati e da un po che ho cominciato ad acquistare musica da beatport e da quel che ho capito sarebbe cosa buona avere con se le relative ricevute fiscali da esibire in caso di controllo siae sia che sia nelle competenze siae o meno per evitare senonaltro di rovinare la serata a causa di inutili discussioni con i nostri cari amici controllori.... vorrei sapere qual è il documento da stampare dal momento che a me arriva una semplice mail senza allegati dove c'è la descrizione dei brani scaricati e l'indirizzo dell'utente cioè io non c'è scritto da nessuna parte che trattasi di documento fiscale nè c'è scritto il mio nome/cognome..... solo 2 righe con i titoli ed il resto solo tracce che il sito suggerisce per i prossimi acquisti la mia domanda è: e questa la ricevuta fiscale da stampare ed esibire alla siae o a chi effettua un controllo durante le serate?
  5. info su ddj-sx/sx2

    chiedo scusa per la doppia discussione aperta involontariamente e chiusa da Giaco ....... avrei bisogno di un ulteriore consiglio.... mi sono messo alla ricerca di una sx2 possibilmente un buon usato da poter vedere e provare prima dell'aquisto possibilmente vicino a me e sono incappato in un annuncio dove la sx2 viene venduta nuova a 500 euro o meglio a 550 dollari, il negozio ha un suo sito web e dopo una visitina al sito che sembrerebbe un normale negozio on-line ho contattato via mail chiedendo quali fossero le ulteriori spese di spedizione/importazione e dopo pochi minuti ho ricevuto in risposta che con 540 euro dicono che posso averla a casa mia nuova e con garanzia pioneer....... so che non si può mettere il link qua sul forum e quindi evito, ma se qualcuno volesse dare un'occhiata e magari darmi il suo parere gli sarei grato; io ho dato un'occhiata su google per vedere se ci sono precedenti riguardo aquisti/truffe verso quel sito ma non ho trovato niente.... sono sempre diffidente da prezzi così bassi e sull'usato se non vedo e tocco di persona non compro, ma se si tratta di un negozio "sicuro" la cosa è diversa e prenderei la palla al balzo..... se sono OT spostate pure in una sezione più adeguata o avvertitemi che apro una nuova discussione dove più consono
  6. info su ddj-sx/sx2

    grazie per le risposte, sicuramente la sx2 è quella che fa al caso mio
  7. info su ddj-sx/sx2

    ciao, finalmente mi sono convinto (o quasi...) ad avvicinarmi al mondo del digitale e vorrei aquistare un controller.... ovviamente ho sato un'occhiata ai prodotti pioneer anche per non scostarmi troppo dal djm600 che ancora uso a casa e devo dire che la ddj-sx ha subito attirato la mia attenzione, se non altro per via dei 4 canali, visto che senza la possibilità di collergare 2 giradischi mi sentirei nudo..... però siccome i controller per me sono dei perfetti sconosciuti, avrei bisogno di qualche informazione da parte di chi li conosce di persona.... tra le varie recensioni ho dato un occhio anche alla sx2, questa mi ha colpito per via del "DVS ready" che da quel poco che ho capito sembrerebbe poter assegnare le tracce anche ai giradischi analogici e utilizzarli con i vinili serato in timecode senza l'aggiunta di ulteriori schede, qualcuno di voi ha provato questa funzionalità? basta scaricare un plug-in aggiuntivo e collegare normalmente i giradischi al controller? per l'upgrade del software serato c'è un extra da pagare? come ultima domanda visto l'alimentatore esterno se il pc si spegne cosa succede? cioè il mixer rimane in funzione anche senza pc lasciando la possibilità di suonare i giradischi in maniera "classica" o si ferma tutto? grazie in anticipo per le risposte
  8. info su ddj-sx/sx2

    ciao, finalmente mi sono convinto (o quasi...) ad avvicinarmi al mondo del digitale e vorrei aquistare un controller.... ovviamente ho sato un'occhiata ai prodotti pioneer anche per non scostarmi troppo dal djm600 che ancora uso a casa e devo dire che la ddj-sx ha subito attirato la mia attenzione, se non altro per via dei 4 canali, visto che senza la possibilità di collergare 2 giradischi mi sentirei nudo..... però siccome i controller per me sono dei perfetti sconosciuti, avrei bisogno di qualche informazione da parte di chi li conosce di persona.... tra le varie recensioni ho dato un occhio anche alla sx2, questa mi ha colpito per via del "DVS ready" che da quel poco che ho capito sembrerebbe poter assegnare le tracce anche ai giradischi analogici e utilizzarli con i vinili serato in timecode senza l'aggiunta di ulteriori schede, qualcuno di voi ha provato questa funzionalità? basta scaricare un plug-in aggiuntivo e collegare normalmente i giradischi al controller? per l'upgrade del software serato c'è un extra da pagare? come ultima domanda visto l'alimentatore esterno se il pc si spegne cosa succede? cioè il mixer rimane in funzione anche senza pc lasciando la possibilità di suonare i giradischi in maniera "classica" o si ferma tutto? grazie in anticipo per le risposte
  9. se ho minimizzato il mondo dell'hi-fi mi scuso con chi potrebbe restarne amareggiato, da quello che ne so gli appassionati di hi-fi danno importanza anche al più semplice dei dettagli e prendono in considerazione tutto quello che ci può essere tra la puntina e le casse, semplicemente ho preso in considerazione il primo motivo che mi è saltato in mente per far capire che gli strumenti da dj non sono congeniali a chi punta all'hi-end e sicuramente il fatto della partenza/arresto manuale è un argomento sul quale scappa spesso qualche battuta del tipo "non vedo il comando per far partire il braccio...", "ma non torna a riposo da solo", "mi spiace ma con quel gira ti devi scomodare dalla poltrona", detto questo ribadisco che il principale motivo di sfiducia verso i piatti da dj è dato dalla trazione diretta (al quale il nuovo technics sembra voler porre fine) e dal fatto che in alcuni di questi il suono non esce pulito ma passa per filtri o preamplificatori, anche i bracci ad "s" non sono apprezzati come pure gli ammortizzatori nei piedini anzichè in altre parti più soggette a vibrazioni..... credo che basti per far capire che i technics non sono dei gioielli ai loro occhi come magari lo sono per noi.......era il messaggio che credevo arrivasse scusate se mi sono espresso male o con troppa superficialità, da adesso sarò più preciso promesso! :jamie:
  10. non mi piace fare polemica ma visto che la discussione prosegue in questo senso (e fuori tema) e non sono daccordo con quanto sopra affermato, mi spiegherò meglio: andando alla ricerca di informazioni sul web sui recenti piatti in circolazione per scegliere quali acquistare mi sono incappato più volte in forum tra cui questo (l'unico al quale mi sono registrato) e anche forum di siti dedicati all'hi-end/hi-fi dove i partecipanti (che si definiscono audiofili) fanno riferimento ai giradischi appartenenti alle loro collezioni numerandoli, del tipo "...Questo è il n°21, lo completerò con uno SME 3009 II o con un Denon 308 già a mia disposizione" e ancora "Diciamo che ho tre postazioni e li faccio ruotare , circa una decina, gli altri li ho in mostra statica...", se non basta "Ci fai vedere qualcos'altro della tua strepitosa collezione?" non credo di poter inserire quà il link diretto alla discussione relativa, in caso contrario ditemelo, quindi lo invio come messaggio privato giusto per rendere l'idea di quel che intendo :jamie:
  11. concordo con te per quanto riguarda l'audiofilia, aggiungo di mio che il suono che ricercano oltre che fedele all'originale (live), deve essere (da parte dello strumento che lo riproduce) il più pulito possibile, cosa che appunto è difficile per la trazione diretta che vanta la potenza di rotazione e lo scatto in partenza a scapito di interferenze date dai motori collegati direttamente al piatto generando (fino ad oggi) inevitabili vibrazioni e risonanze, cosa che non succede tramite cinghia (infatti gli audiofili scartano a priori i piatti da dj tra cui i 1200 per il fatto della trazione diretta) questo nuovo technics sembra aver eliminato questo tipo di problema grazie al motore "coreless" appunto (secondo il mio parere) per andare incontro alle esigenze di questa categoria di utilizzatori che sono propensi a spendere cifre del genere se il prodotto li aggrada ed attirare la loro attenzione a differenza di noi dj che comunque conosciamo e veneriamo i technics da decenni (nel nostro campo non ha bisogno di grandi presentazioni o modifiche per attirare l'attenzione) e che tra l'altro ne usiamo 2 con costi doppi..... anche il nouvo piatto a 3 strati con l'aggiunta di uno di questi in gomma che smorza ancora meglio anche le vibrazioni più impercettibili credo che oltre ad aumentare la qualità sonora a favore di chi ricerca la riproduzione "fedele" andando di nuovo incontro al mondo (e al mercato) degli audiofili. Per questi motivi penso che al momento il nuovo 1200 sia per ora ricercato solo dagli appassionati che ne hanno la possibilità e che lo hanno usato per una vita e lo considerano quasi un compagno insostituibile (negli anni 90 ho usato gemini, bst, stanton, ma nessuno era paragonabile al mito del 1200) come dici tu noi comuni mortali e audiofili per il momento saremo tagliati fuori ma vista la durata di produzione dell'SL la panasonic credo tenga conto che ha "tempo" per far conoscere il suo nuovo gioiellino e col tempo magarì si ridimensionerà anche il costo per poi esplodere sia in un mercato che nell'altro.....(vedremo) Che il GAE sia migliore di tutti un pò ci credo appunto perchè è un technics e sicuramente sarà un degno successore dell'SL, spero che il G a parte il braccio (alluminio per il G e magnesio per il GAE) sia diverso solo per l'estetica e la tiratura non più limitata.....per quanto riguarda il prezzo 900-1000 euro son tantini ma visti i costi di altri prodotti in circolazione sicuramente avrebbe il suo perchè, personalmente piuttosto che spendere 700 euro per un plx1000 (provati di persona) preferirei aggiungere qualcosina per andare sul sicuro col 1200... detto questo se i prezzi fossero entro i 1000 euro probabilmente l'usato si ridimensionerebbe non di poco anche perchè la panasonic dei soldi che girano nel mondo dell'usato non se ne fa niente e sarebbe ora che una macchina "usata" venga venduta al giusto valore e non a costi più alti di quanto costasse nuova!! 6-700 euro per un 1200 usato anche se in condizioni perfette è a dir poco improponibile!! Non mancherò per la recensione dei reloop, è sempre un piacere esprimere le proprie opinioni e leggere quelle degli altri su qualcosa che ci appassiona e ci accomuna
  12. conosco svariati dj che a casa conservano gelosamente i 1200 come cimeli per "affetto" e usano altro per le uscite, ma sinceramente collezionisti no.....anche perchè non so in che genere di collezione potrebbero essere inseriti.....a parte i collezionisti di giradischi che sono appunto definiti audiofili logico che non è un articolo destinato all'hi-fi altrimenti sarebbe dotato di automatismi per la partenza ed il ritorno del braccio come tutti i giradischi di quel genere....
  13. io non capisco la strategia della panasonic..... un dj deve prendere la coppia quindi non 4 bensì 8000 dollari di piatti........ contro i 1000-1500 che servono per avere una qualsiasi altra coppia di giradischi di fascia medio/alta.... (gli assemblati della hanpin per capirci) chi fa collezionismo (quindi prevalentemente audiofili) penso non sia interessato a giradischi da dj visto che come tale è considerato il 1200, nelle discussioni dei forum i 1200 come tutti i gira da dj sono disprezzati e derisi per qualità sonora, per la trazione diretta e non da meno per il funzionamento manuale, la fascia alta di questi strumenti viaggia su ben altre cifre, e i 4000 dollari dei technics li collocherebbe in una fascia media.....se non addirittura bassa ciò non toglie che sarei davvero curioso di metterci le mani sopra, specialmente per sentire il nuovo motore "coreless" e l'assenza di vibrazioni/risonanze sulle quali si basa quasi tutto il lavoro dei "technici"..... certo che visti i risultati ottenuti dai piatti super-high-torque che si vedono in giro (io ho 2 rp7000 pagati nuovi 360 euro a piatto) questi nuovi 1200 dovrebbero più che stupirmi per giustificare il loro costo.
  14. 4000 dollari a piatto, non perchè il piatto sia fatto con materiali più costosi rispetto al passato ma per sostenere le spese necessarie a rimettere in moto la produzione con nuovi macchinari e nuove tecniche di assemblaggio..............come dire che il meccanico ti ripara una ruota e invece di chiedere 20 euro per la riparazione te ne chiede 2000 perchè ha appena comprato lo smontagomme nuovo.............ditemi che non è vero per piacere
  15. grazie per la risposta Giaco, quindi se ho ben capito essendo la "D6800 EEE-MKII-S" progettata per uso audiofilo cambia il taglio del diamante che è diverso da quello per dj/scratch? dici che ci si possa fidare di quelle puntine compatibili "made in cina" che vendono nuove per 20 euro??? se le hai provate di persona ci faccio un pensierino, perchè a parte quelle in rete non ho visto altre scelte... altrimenti resto rigorosamente sull'originale, perchè penso che alla base di un buon impianto non si possa fare a meno di una "buona" puntina...anche se come penso ci vorrà un pò di tempo ed un bel pò di fortuna
×