Vai al contenuto

Simonej

Members
  • Numero contenuti

    180
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Comunità

10 Good

Su Simonej

  • Rango
    Bedroom DJ
  1. Simonej

    Test Audio XDJ-RX, missione compiuta.

    Ottima descrizione! Semplice e chiara, è un piacere trovare ascoltatori attenti alla qualità del materiale, complimenti! Aggiungo, secondo me, l'unico prodotto Pioneer attuale che si ascolta con un pò di qualità è il CDJ2000.
  2. Se qualcuno del nord conosce la località turistica balneare, una volta al top per qualità di locali e divertimento giovanile da ieri ha dato uno stop al divertimento. La piazza principale, luogo di ritrovo residenti e turisti si ritrova con locali senza musica e chiusure anticipate alle 02.00 per la causa sostenuta da albergatori contro il "disturbo" giovanile. Di seguito un link dei tanti articoli sulla vicenda: http://www.gazzettino.it/NORDEST/VENEZIA/jesolo_sequestro_capannina_gasoline_prima_fila_le_vip_muisca_stop/notizie/847305.shtml Saluti da Jesolo, pre-ferragosto alle 02.30. Un DJ disoccupato da ieri.
  3. Simonej

    Official Thread >> Allen & Heath Xone 92

    Magari questo link ti può dare qualche info in più: ​http://forum.webdeejay.it/threads/94649-Comparativa-Allen-amp-Heat-Xone-92-e-Pioneer-DJM-900
  4. Simonej

    CDJ 2000 non rispondono dopo aver usato chiavetta.. mai successo

    Ciao Fede, - i nuovi macbook dal retina in poi sarà un caso ma hanno tutti problemi tipo il tuo, non solo con applicazioni audio, causa scheda madre. - anche io utilizzo solitamente il mixer pioneer come scheda audio e cdj come controller, molto affidabile anche se il top rimane una scheda audio2 con cdj in midi. - mi sono capitate 2 situazioni simili con i 2000 , non ho potuto analizzare il problema ma con un riavvio del sistema sono tornati funzionanti, da fare attenzione al memento del collegamento-accensione, con i 2000 adesso non ricordo bene ma tu hai acceso prima il portatile e poi collecato l'hub oppure acceso il portatile con hub e cdj attaccati? Fai attenzione questo passaggio è molto importante. - ho risolto ad un'altro cambiando i cavi usb e spolverando un pò l'hub, prenderne un'altro di scorta rimane una buona idea, tante volte basta anche staccare-attaccare nuovamente i cavi USB dei cdj. - in serata non hai provato a cancellare il file di config dei controller, se il cdj con il tasto si porta in modalità collegamento ma non rileva il sistema può essere una causa anche questo. - l'ultimo caso penso sia un problema abbastanza comune, sai che cè solo una porta dove collegare la scheda audio?! Pensa che nonostante Traktor, Mac, prodotti NI dovrebbero essere un complesso affidabile ho avuto problemi anche solo con Traktor+X1, aperto il programma... non partivano le tracce...controller risponde al feedback visivo ma il programma no. Io attribuisco gran parte delle colpe alla gestione dell'alimentazione, su questo e tante altre cose Windows8 è molto più avanti. Come hub utilizzo Belkin un modello che non si trova in giro utlimamente, colore bianco, forme arrotondate ed un raccoglicavi in gomma azzurro, ottimo, alimentatore 2A. Di scorta ho preso un Kensington assolutamente non economico ma veramente ottimo, alimentatore da 2,5A. http://www.kensington.com/kensington/us/us/p/1505/K33935US/pockethub%E2%84%A2-4-port-usb.aspx
  5. Ebbene si, mi hanno fregato, il marketing ha fatto il suo effetto, le cuffie v-moda mi avevano incuriosito ancora tempo fa, viste usare da Aviici mi hanno fatto poco effetto ma quando nel video di presentazione X1 MK2 ho visto Felix da Housecat con le M-100 ho ceduto, qualche info rapida, una letta alla scritta “Audiophile” e via, non ho resistito dal non provarle... La confezione: Un imballaggio di cartone molto curato e raffinato, ricco di dettagli come chiusure in pelle, in bella vista l’immagine della cuffia con caratteristiche evidenziate tra cui citazioni di recensioni sul prodotto. Tolta la parte superiore si scorge un piccolo manuale di istruzioni che riporta informazioni sulla garanzia estesa del prodotto ed invito a non restituire al rivenditore le cuffie in caso non siano di gradimento, l’assistenza v-moda ci sarà di supporto, sotto il primo separatore il rigidissimo box contenente le cuffie ripiegate su se stesse ed adagiate sopra divisori in spuga. E’ arrivato il momento di aprire il guscio anche questo estremamente curato nel posizionamento di tutti i componenti, troviamo da un lato un cavo colorato (nel mio caso arancione) sufficientemente lungo, con microfono e tasti per controllare dispositivi multimediali, dal lato opposto un cavo ancora più lungo di colore nero con un doppio attacco alla base che da la possibilità di collegare la cuffia alla sorgente tramite attacco principale ed una seconda cuffia tramite lo sdoppiatore integrato, in parte anche un jack da 6,3 anche questo con design unico. La prima impressione è stata neutra, mi aspettavo un cavo spiralato o comunque leggermente più professionale. Primo acchito: E’ ora di prendere in mano la cuffia, già aprendola si capisce che il prodotto è molto resistente, molte parti in metallo, un arco flessibile ma solido, nessuna possibilità di rotazione padiglioni con parte esterna intercambiabile, le spugne sono delicate e morbie, nonostante siano con driver da 50mm hanno un design minimale che non le fa sembrare molto grandi.Il jack da 3.5 ha una doppia possibilità di inserimento, sul lato sinistro e destro. Non me l’aspettavo, una marca (per me sconosciuta) come v-moda (in particolare moda..) ha creato un prodotto quasi perfetto, curatissimo e di grande qualità, tutto questo offre un prodotto molto resistente ma allo stesso tempo con un penso non da primato, 280gr, 10 in meno delle HDJ2000. Qualità sonora: Partendo da una certezza, la qualità sonora è molto soggettiva derivante anche dall'uso ed esigenze prospettate. Un audio spettacolare già al primo ascolto, la prima impressione mi ha ricordato le Beyer 770 dalle frequenze basse molto corpose, provando a descrivere l’importanza della sonorità in scala al primo posto ci sono le frequenze basse, all’ultimo le alte. Sembra di ascoltare un impianto con subwoofer ma nonostante ciò il complesso sonoro è molto ampio, medie frequenze equilibrate mentre le alte non sono eccelese, non spiccano per vivacità, da notare come in situazioni musicali con cassa più corposa che secca (es. Dance Progressive) questa vada a sovrastare le frequenze alte, mentre ascoltando generi musicali più rari e ricercati si scorgono piccole mancanze di vivacità, il tutto però con un suono moderno di grande qualità abbastanza ampio ma non molto dettagliato (per avere più dettaglio negli strumenti è necessario puntare su cuffie più specifiche). Teniamo in considerazione che la cuffia non è stata rodata e sicuramente darà il meglio di se ottimizzando le caratteristiche con il tempo La pressione sonora è nella media così come l’impedenza, cè abbastanza volume per rovinarsi i timpani con distorsione solo a livelli altissimi. L’utilizzo di amplificatori dedicati offre un ascolto ancora più piacevole, queste cuffie si fanno viziare facilmente dalla sorgente anche se la soddisfazione nell’ascolto è arrivata in quasi qualsiasi situazione con qualsiasi sorgente. Isolamento: Buono, i padiglioni a forma di rombo coprono totalmente le orecchie e le avvolgono all’interno ma un paio di fessure sull’esterno fanno si che non si è isolati totalmente, per l’isolamento questa è un pecca mentre per l’ascolto offre un suono più aperto. Anticipo una piccola nota su isolamento/posizione in testa, l’isolamento e l’efficacia di ascolto durante un DJ set è molto variabile anche dalla posizione in cui si tiene la cuffia; -Con l’ascolto su entrambe le orecchie non ci sono particolari note, nel testo precedente si hanno già note su questa posizione. -Con l’ascolto su singolo orecchio ed arco posizionato verticalmente alle orecchie la cuffia assume una posizione contorta vista la nulla rotazione dei padiglioni, questo fa si che una parte del padiglione sull’orecchio d’ascolto rimanga aperta. -Con l’ascolto su singolo orecchio ed arco inclinato appena ad altezza fronte, anche qui la cuffia assume una posizione con padiglione aperto, anche se minore rispetto alla posizione precedente. -Con l’ascolto su singolo orecchio ed arco posizionato in fronte, si riesce a far si che il padiglione copra totalmente l’orecchio. Mi anticipo ulteriormente, anche con posizione dove il padiglione lascia scoperta una parte d’orecchio l’efficacia sonora per la messa a tempo o preascolto è superiore a cuffie come Sennheiser HD25, testato con musica house e derivati, grazie alle frequenze basse molto corpose si riesce a percepire al meglio il suono anche se aperti all’ambiente esterno. Confort e stabilità: Qualcosa ho già anticipato prima, purtroppo la mancata rotazione dei padiglini (probabilmente annullata per garantire un prodotto ancora più resistente) le penalizza molto, le coperture esterne sono morbide e confortevoli anche se dopo un ascolto prolungato ho sentito un fastidio nella parte superiore delle orecchie, l’arco è anch’esso morbido costruito con materiali di grande qualità, molto confortevole e soprattutto resistente a qualsiasi torsione, per il resto trovo solo note positive, ho sempre apprezzato particolarmente le cuffie con driver da 50mm proprio per le loro caratteristiche, ma queste hanno forma/dimensione/peso al top. Torniamo alla posizione in testa, come già anticipato prima avrete capito che la loro posizione in testa per un dj è quella con l’arco molto inclinato praticamente quasi sulla fronte oppure sopra un cappello, la cuffia è tra le più leggere di quelle con driver grandi, abituati però a prodotti più leggeri e più piccoli si fanno sentire i 280gr in particolare quando si muove la testa e per chi piace tenere molto la cuffia sopra si sente il peso. Rapporto qualita' prezzo: Il prezzo di queste cuffie è tra i più cari siamo oltre i 300 euro di listino anche se parzialmente giustificati dalla grande qualità sia costruttiva che audio. Il prezzo che secondo me inviterebbe l’aquisto sarebbe sotto i 200 euro. Conclusione: Il mio udito è sempre molto esigente ma il prodotto mi ha stupito e sono sicuro che una volta rodata darà il meglio di se nell’ascolto, una cuffia progettata per la qualità audio particolare con driver brevettati, qualità costruttiva e durata nel tempo (vedi anche garanzia estesa negli anni) hanno lavorato molto su integrazione con dispositivi tecnologici, microfoni, ma molto poco per l’utilizzo DJing, anche se l’ottimo suono riprodotto potrebbe soddisfare anche l’utlizzo cuffia monitor. La sfida: Ho voluto confrontare questa v-moda M100 con altre cuffie top gamma; -Qualità costruttiva: al top con un penso di circa 10-20 grammi in meno rispetto cuffie delle stesse dimensioni. -Qualità sonora: un punto di forza delle v-moda con i loro driver brevettati, le alte frequenze mancano di rilievo, anche se andrebbero utilizzate di più per poter essere più precisi, il cantato femminile in particolare ed un Jazz classsico soffrono se paragonate ad a cuffie come Beyer 770, Sennheiser HD25, Sony 7506, AKG 701... -Isolamento: buono. -Confort: Discreto, non posso definirle scomode ma sicuramente meno comode di una cuffia più leggera con driver da 40 oppure una cuffia più spaziosa, anche se la Sony 7506 (altro target) oppure una Sony MDR V-700 offrono una compattezza e comodità migiore. -Conclusione: è una cuffia molto costosa ma con molte qualità tra cui anche un design moderno e personalizzabie, da valutarne con attenzione l’acquisto se mirato alle proprie esigenze.
  6. Simonej

    Nuove KRK ROKIT G3

    KRK ha annunciato oggi l'aggiornamento della linea casse monitor, a guardare le specifiche tecniche hanno aumentato la banda di frequenza sia in alto che in basso. http://www.krksys.com/krk-studio-monitor-speakers/rokit/rokit-8.html
  7. Simonej

    DJ che fanno "finta" di suonare..

    Nel video in questione ce' solo un cdj attivo con la chiavetta sopra, non approvo il fatto che lo facciano in modo cosi' evidente, sarebbe stato meglio un cdj a parte o dietro le quinte con il mixato attivo mentre loro con almeno le chiavette montate nei 4 lettori per fare un po' piu di scena
  8. Simonej

    Problemi Freeze Traktor

    Come hai sistemato? dacci info potrebbe tornare utile ad altri
  9. Grazie, mi aspetto una risposta anche da Electro lui può sicuramente fornire altre impressioni interessanti... Non possiamo taggarlo?
  10. Confronto Traktor X1 e Traktor X1 MK2 Primo contatto: I 2 controller si presentano con le stesse dimensioni compatte, un layout identico per la parte controllo effetti mentre differisce la parte centrale per il browsing e caricamento tracce, la selezione per l’attivazione effetti, il tasto shift e la fuzionalità dei tasti nella parte inferiore. Il nuovo controller pesa meno del modello precedente, lo sfondo è lucido non più satinato anche i tasti sono più lucidi e scivolosi, i knob hanno una copertura di materiale plastico e non gommoso come il modello precedente, non tutti i componenti però sono peggiorati, la porta usb di colore arancio (come sull’Audio 10) da l’impressione di un maggiore solidità nell’inserimento con lasco quasi nullo ed un “click” sicuro. La prima impressione è di un controller a “risparmio” qualitativamente leggermente inferiore al primo modello. Durante l’utilizzo: Appena collegato il controller MK2 troviamo una nuova importante opzione, l’assegnazione deck con le varie opzioni visibili nel display del loop, appena confermata la selezione prendiamo controllo, per prima cosa ho visionato le impostazioni di mappatura, la finestra è completamente vuota, questo probabilmente indica un nuovo protocollo di controllo trasmissione dati, si possono comunque assegnare diverse funzioni dal controller manager annullando le impostazioni di default, se ve lo siete chiesti solo adesso ve lo confermo, niente midi, probabilmente nessuna (o molto difficile) possibilità di gestire 4 deck con un solo controller/grande personalizzazione, le fuzioni sono limitate, limitate anche al solo programma Traktor (non più incluso con l’acquisto del controller). Ad un primo utilizzo mi sono trovato un pò spaesato, sono cambiate le posizioni dei tasti che più ho utilizzato, partiamo con cue, play, sync, caricamento traccia... certo l’X1 prima versione è un controller che abbiamo (ho) visto ed utilizzato tantissimo è un pò come guidare una macchina con il cambio automatico-sequenziale, bisogna farci l’abitudine. La parte superiore dell’effettistica è rimasta invariata nell’utilizzo tranne per le funzionalità attive con il tasto shift, adesso con il primo tasto in alto si cambia la modalità effetti tra Chained ed Advanced mentre con i tasti di attivazione effetto cè la possibilità di scorrere tra gli effetti, un aggiornamento che valuto intellligente mentre non lo era la combinazione shift precedente anche se sinceramente non ne ho mai fatto utilizzo. Scendendo nella parte centrale troviamo i tasti di assegnazione effetto per deck spostati leggermente più in alto rispetto a prima, il knob per il browsing è diventato unico e centrale, (come nei controller più grandi di casa NI) al primo tocco si attiva la modalità browser che, a tutto schermo, ci illustra i nostri file musicali, le impostazioni permetto di disabilitare questa funzione (anche se dopo pochi secondi torna la videata normale), personalmente l’ho disabilitato anche perchè con la pressione sul knob si attutiva la stessa modalità a nostro piacimento. Per il caricamento traccia si utilizzano adesso i due tastini a lato dello shift, questi premuti insieme allo shift attivano le funzioni Snap e Quant che prima erano posizionate sull’assegnazione effetti. Poco più sotto arrivano le grandi novità, un comodo display per visualizzare la quantità di loop che andremo ad attivare, i 2 knob per attivare gli effetti che se premuti insieme al tasto shift permettono di scorrere rapidamente nella traccia sia che sia in play sia in pausa, la grande differenza che voglio evidenziare è che mentre prima la quantità di traccia che veniva percorsa era fissa ora è definita dalla quantità del loop selezionato, questo vuol dire che se noi abbiamo in previsione di attivare un loop a 4 battute lo scorrimento della traccia sarà di 4 battute, questo vuol dire che per velocizzare dovremmo spostarci su 16 o 32, questa non la vedo una grande innovazione anzi, l’ho trovata piuttosto scomoda. Arriviamo alla tanto discussa touch-stripe dalle molteplici funzionalità, per spiegarle tutte penso sia meglio illustrarle in video proverò a riassumerle, la funzionalità principale è il bend questo dovrebbe sostituire una jog, anche se la presione è altissima ed incredibilmente funzionale lo scrolling inerziale, nonostante questa innovazione ho trovato più facile una messa a tempo con il metodo precedente (shift+beat, aveva un’ottima prograssività, ma anche qui probabilmente questione di abitudine), certo la jog non la batte nessun controller... Altre funzioni interessanti di questa stripe sono la possiblità di scorrere nella traccia in pausa, selezionare la quantità di touch-stripe dedicata ad ogni deck, attivare un touch loop ed altre. Siamo neanche a metà del controller nuovo e già ci accorgiamo che hanno lavorato molto sulle nuove combinazioni di tasti, ce ne sono diverse sia con il tasto shift che con altri tasti una per esempio che mi è piaciuta particolarmente è quella di poter muovere il pitch e resettarlo premendo il tasto sync e il knob del loop, di seguito alcune funzioni evidenziate nel forum NI: In the absence of a manual, here's a few more 'hidden' features. KEYLOCK ON/OFF: Hold SHIFT and press PLAY (this is like S2/S4). KEYLOCK ADJUST: Hold SHIFT + PLAY, then rotate the Deck's Loop Encoder. You'll see the transpose amount displayed in the Loop Display. Press and release the Encoder to reset to 0 semitones. BPM ADJUST: Hold the Deck's SYNC Button and turn the Deck's LOOP Encoder. Press LOOP Encoder while turning for large adjustments. Press and release encoder to reset to 0.0%. RETURN TO START: Hold SHIFT and press CUE (this is like S2/S4) SNAP ON/OFF: Hold SHIFT and press Left Load Button. QUANTIZE ON/OFF: Hold SHIFT and press Right Load Button. FAST NAVIGATION: Hold SHIFT and drag on the touchstrip while Deck stopped. QUICK NUDGE: When a Deck is playing and the Touchstrip is assigned to FX or Loop, you can hold SHIFT and drag on the Touchstrip to do pitch bends (that way you don't have to leave FX or Loop assign mode). La parte inferiore con i primi 4 tasti modificabili anche nel colore hanno la funzione di punti cue invece che loop in/out e scorrimento tra i beat, io ho modificato la mappatura originale riportando lo scorrimento tra i beat come nel modello precendente, appena sotto troviamo la nuova funzione Flux attivabile tramite apposito tasto, il tasto sync spostato sopra (grande importanza a questo tanto che ha quasi la stessa potenzialità dello shift, offre molte combinazioni) infine i tasti cue/play di dimensioni maggiori, se qualcuno non l’ha notato da qualche video o utilizzo è scomparso il feedback visivo della battuta, ho preferito riportarlo nel tasto cue. Una buona innovazione è la compatibilità interessante (anche con i colori) con i remix deck, selezionando il controller su un deck attimo con la modalità remix deck si può usifruire di un buon controllo per 4 banchi qualcosa di limitato rispetto all’F1. Considerazioni finali: Sicuramente ci troviamo davanti ad un controller aggiornato con miglior integrazione verso il software di casa, era difficile fare meglio, in parte ci sono riusciti, il controller precedente mi ha dato l’impressione di essere più intuitivo e semplice, nonostante il nuovo modello abbia alcune funzioni limitate come la possiblità di usufruire di combinazioni mappatra midi, il software Traktor 2.6.3 è molto stabile e funzionale anche se al secondo test ho dovuto chiudere il programma perchè il controller (collegato solo MK2) non rispondeva ai comandi. Per conludere, vale la spesa passare da X1 a X1 MK2? Secondo me NI (e non vuol dire Native Instruments ) le nuove funzionalità possono essere anche adattate al vecchio (ma sempre ottimo) controller con un aggiornamento di mappatura, si evidenzia invece un buon controllo per i remix deck e la chiara (ma non esplicita) limitazione, vuoi utilizzare 4 deck? Compra un’altro X1 MK2 anche perchè usare un mod. vecchio ed uno nuovo insieme crea un pò di confusione per lo spostamento tasti, il rischio è dietro l’angolo... Ho potuto esprimere queste valutazioni dopo 6 giorni di test di cui 2 durante un set e 2 insieme al modello precedente, grazie anche a Leo rivenditore di fiducia che mi ha garantito priorità sull’ordine. Io il mio controller per il momento non lo vendo, voi? PS: le foto sono state effettuate oggi a fine del confronto e del testo, sono evidenti macchie dovute ad un piccolo getto d’acqua difettoso nel locale dove lavoro, ha portato qualche schizzo sul controller non ho avuto tempo di pulirlo... Per chi volesse provare le mie piccole modifiche qui ce' la mappatura da caricare: http://www67.zippyshare.com/v/96672447/file.html
  11. Dalla 2.6.1 il software è compatibile solo con Lion e Windows 7/8 quindi o aggiorni oppure niente X1. Secondo me il software è originale se fosse piratato probabilmente non avrebbe questa limitazione, in qualsiasi caso per un amico (che gioca in casa/tra amici) ho esportato l'app così funziona anche su SL chiaramente operazione che sconsiglio a qualsiasi lavoratore.
  12. Copio dal forum NI: In the absence of a manual, here's a few more 'hidden' features. KEYLOCK ON/OFF: Hold SHIFT and press PLAY (this is like S2/S4). KEYLOCK ADJUST: Hold SHIFT + PLAY, then rotate the Deck's Loop Encoder. You'll see the transpose amount displayed in the Loop Display. Press and release the Encoder to reset to 0 semitones. BPM ADJUST: Hold the Deck's SYNC Button and turn the Deck's LOOP Encoder. Press LOOP Encoder while turning for large adjustments. Press and release encoder to reset to 0.0%. RETURN TO START: Hold SHIFT and press CUE (this is like S2/S4) SNAP ON/OFF: Hold SHIFT and press Left Load Button. QUANTIZE ON/OFF: Hold SHIFT and press Right Load Button. FAST NAVIGATION: Hold SHIFT and drag on the touchstrip while Deck stopped. QUICK NUDGE: When a Deck is playing and the Touchstrip is assigned to FX or Loop, you can hold SHIFT and drag on the Touchstrip to do pitch bends (that way you don't have to leave FX or Loop assign mode). Intanto segnalo anche la disponibilità di aggiornamenti hardware per il nuovo controller audio 10 e forse altro, date un occhio alla sezione aggiornamenti non protetti.
  13. Che *ulo! io l'ho ordinato in negozio ma ho paura che prima della settimana prossima non arrivi niente...
  14. Simonej

    Uscito aggiornamento Traktor 2.6

    Segnalo disponibilità aggiornamento Traktor 2.6.3
  15. Simonej

    Logic Pro X

    Segnalo disponibilità della nuova versione! https://itunes.apple.com/us/app/logic-pro-x/id634148309?mt=12 http://www.apple.com/logic-pro/
×