Jump to content
Nicholas Francavilla

Articolo Djtechtools: Tutorial, Come Prevenire e Gestire i Crashes nel Digital Djing

Recommended Posts

Ragazzi L'articolo è anche disponibile in Home al seguente Link:http://www.webdeejay.it/blog/uncategorized/tutorial-prevenire-e-gestire-i-crash-nel-digital-djing.html

 

Dateci del feedback e commentate ragazzi!!! Altri interessanti ed utili articoli arriveranno se vediamo che vi è un risponso positivo!!!

 

WebDeejay è lieta di annunciarvi che da oggi è ufficialmente in collaborazione con Dj TechTools, famosissimo sito e blog Americano riguardante il mondo del Dj ed in particolare il mondo del digital Djing. Grazie infatti al mio personale impegno ed alla mia amicizia e stima reciproca che ho nel tempo instaurato con Ean Golden, WebDeejay avrà l’onore di tradurre-in esclusiva- tutti i loro più importanti ed interessanti articoli. Oggi,cominciamo questa serie, con uno dei più interessanti….ovvero….come prevenire e gestire un crash “digitale” sul palco? Vi ricordiamo che il seguente articolo è anche disponibile in lingua Inglese sul sito originale di Djtechtools al seguente link: http://www.djtechtools.com/2009/04/19/handle-a-laptop-crash-the-sullenberger-way/

 

Essere un digital Dj ha indubbiamente i suoi vantaggi. L’equipaggiamento è di dimensioni più ridotte, meno costoso e, oltre ogni altra cosa, più potente dei convenzionali giradischi. Grazie ai nostri capienti hard disk, abbiamo accesso ad un database musicale ben più ampio di quanto non si possa fare con il tradizionale vinile e il nostro software ci consente di eseguire virtuosismi che un tradizionale dj non potrebbe nemmeno immaginare. Sfotrunatamente la nostra più grossa forza è anche il nostro tallone d’Achille perchè i personal computers possono essere soggetti a crash, mettendo in seria crisi il nostro lavoro.

 

 

La maggior parte dei crash si verifica a causa di problemi con la memoria RAM (Random Access Memory, ossia Memoria ad Accesso Casuale). La RAM rappresenta il modo in cui un computer ricorda ciò che sta facendo in quel dato momento. I computers possono svolgere un solo compito alla volta, sebbene lo facciano in modo estremamente veloce. All’utente può sembrare che il PC navighi su internet e contemporaneamente riproduca musica , utilizzi Word o qualsiasi altra applicazione. Nella realtà il PC esegue un costante switch tra un’operazione e l’altra, mettendo in pausa per una frazione di secondo e lavorando sull’altro programma per poi tornare alla prima. La maggior parte dei nuovi sistemi viene fornito con almeno 2 giga di RAM, il che significa che sono disponibili 2 giga di operazioni che il computer è in grado di ricordare. Ogni programma occupa una certa quantità di memoria per essere eseguito. Traktor Pro, ad esempio, richiede fino a 1 giga e quando la quantità di memoria richiesta supera (o sia avvicina) al limite della RAM installata, si verificano i classici congelamenti dello schermo o, ancora peggio, i crash.

 

Nell’ottica di prevenire spiacevoli situazioni ecco alcune regole di base che ho personalmente adottato e ritengo possano essere estese a tutti gli utenti con uguali benefici:

 

Investire sulla propria attrezzatura

Uno dei modi per ottenere il massimo dalla propria RAM è quello di eliminare tutti i programmi di cui si ritiene di non aver bisogno sul proprio PC. Gli utenti Mac sono un pelino avvantaggiati perchè in Apple non è costume rimepire i dischi rigidi dei propri computers con versioni di prova dei programmi, ma se siente utenti Windows allora vi suggerisco caldamente di andare a Start –> Pannello di Controllo –> Gestione Programmi (Aggiungi/Rimuovi Programmi se si utiliza XP). Scorrete la lista e rimuovete tutta la spazzatura che troverete, comprese le varie barre personalizzate di Yahoo o di Google. In aggiunta mi sentirei di raccomandare seriamente un upgrade della RAM. Personalmente dispongo di 4 giga sul mio MacBook Pro ma, sebbene ciò possa essere più che sufficiente per la maggior parte degli utenti, un professionista che punta tutto sulla propria attrezzatura dovrebbe disporre di tutta la memoria possibile. Con il progressivo abbassamento dei costi, oggi si possono comprare 4 giga di RAM con una cifra intorno ai 50 euro.

 

Fare un back up della propria collezione musicale

Una accortezza molto importante per prepararsi all’eventualità di un crash è quella di eseguire back up regolari del proprio sistema e, in particolare, della propria collezione musicale. La procedura è sostanzialmente differente a seconda che si utilizzi la piattaforma Mac OSX, oppure Windows. Rimanderei ai seguenti video per imparare i rispettivi procedimenti.

Che siate utenti dell’una o dell’altra piattaforma, avrete comunque bisogno di un disco esterno. La tipologia di interfaccia è una vostra personale scelta anche se tengo a precisare che la Firewire 400 e la USB 2.0, oggi come oggi si equivalgono in termini di velocità di trasferimento.

 

Preparare un CD/Ipod mixato di sicurezza

Raccomando vivamente di avere sempre a disposizione una performance registrata di almeno 60 minuti, sia essa su un Ipod (o qualsiasi altro lettore Mp3), oppure un CD di emergenza. Nel caso si verificasse un crash un mixato sufficientemente lungo vi darà il tempo e la tranquillità necessari per comprendere cosa sia andato storto. Se non avete un mixato, oppure non avete il tempo di farne uno, ne potete trovare a decine sul web (specialmente su MySpace), tenendo però in debito conto le implicazioni SIAE. Assicuratevi di avere a portata di mano gli opportuni adattatori RCA per il lettore Mp3.

 

Concentrarsi sul proprio lavoro

Quando state lavorando dovreste avere un solo programma attivo, ossia il vostro software musicale preferito, sia esso Traktor Pro Ableton Live, Virtual DJ o altro. Nei Mac è sufficiente controllare nel dock se ci siano altre applicazioni con il tradizionale pallino sottostante. Nei sistemi Windows bisognerà controllare il tray in basso a destra (dove c’è l’orologio). Se utilizzate Vista preoccupatevi di chiudere la barra laterlale dei Gadget. perchè molti di questi processi utilizzano internet mangiando preziosa RAM.

 

Tagliarsi fuori dal resto del mondo

Per il medesimo principio, preoccupatevi di chiudere tutte le connessioni ausiliari, come il WiFi ed il Bluetooth perchè assorbono RAM ed aumentano le possibilità di incorrere in un crash. Tra le altre cose, non si sa mai che il pubblico tenti di accedere al vostro sistema mentre state svolgendo la vostra performance e, con i nuovi smarphone, questa non è una ipotesicosì remota (pensate alla nuova funzionalità iTunes DJ disponibile in iTunes).

 

Evitare lo stand-by dello schermo e del computer

Quasi tutti utilizziamo gli screensavers ma, per quanto possa essere bello il vostro, non vorrete certo che si attivi durante la performance. Anche se utilizzate un controller MIDI, i messaggi scambiati possono non essere considerati critici dal vostro sistema e quindi non è detto che essi possano impedire l’attivazione del salvaschermo. La mia raccomandazione è pertanto quella di andare nel pannello delle preferenze e disattivare manualmente questa funzione prima di ogni dj set. In alternativa esistono delle piccole applicazioni come Caffeine (disponibile sia per Mac OSX che Windows) capaci di impedire l’avvio dello screensaver con un semplice click.

 

Avete fatto del vostro meglio….eppure…il “disastro” è accaduto lo stesso..ed ora? come gestire il tutto?

Rimanere calmi

Non fatevi prendere dal panico, visto che vi siete preparati a questa eventualità. Prendete il vostro lettore Mp3 o il CD e premete play (dovreste aver già collegato il lettore o inserito il CD). Una volta avviato il vostro mixato di sicurezza andate di nuovo sul computer e riavviate il software musicale per verificare se possa funzionare senza la necessità di riavviare il sistema. Se così fosse proseguite al prossimo punto, diversamente riavviate il computer. Se anche questo non dovesse mettervi in condizioni di ripartire a mixare con vostro software musicale allora sarà il momento di tirare fuori il disco esterno e chiedere al computer di avviare il sistema dall’unità di back up. Questa soluzione dovrebbe consentire di uscire dal peggiore degli scenari.

 

Verificare adeguatamente il rispristino

Ora che avete fatto ripartire il vostro software musicale non affrettatevi a rientrare in gioco. Approfittate del mixato di 60 minuti per fate un test approfondito. Caricate alcune tracce, tentate di mixarle in cuffia e giocate con gli effetti. Se ve la ricordate, tentate di riprodurre le tracce che hanno determinato il crash in modo da poter verificare che sia stato solo un fatto incidentale e non un problema critico destinato a ricrearsi.

 

Rientrare mixando come veri professionisti

Una volta ripristinato il sistema e, dopo aver verificato che tutto funzioni al meglio, è il momento di rientrare in gioco. Cercate di evitare un taglio netto, se possibile. Piuttosto, cercate di gestire la transizione come un dj professionista, ossia mixando la sorgente di emergenza (Lettore Mp3 o CD) con una traccia riprodotta dal vostro software musicale. Caricate il vostro brano preferito (o, meglio ancora, il brano prefrito dal pubblico in pista), alzate il cursore e sfumate gradualmente la musica proveniente dal Ipod o CD. Non dimenticate di sorridere… avete affrontato il potenziale dramma di un crash con estrema professionalità e disinvoltura.

 

Riassumendo

 

 

Prepararsi al peggio

-Rimuovere programmi inutilizzati

-Aumentare la RAM

-Eseguire back up del computer e preparare un mixato sul lettore Mp3 o CD

 

 

Prevenire un crash durante una performance

-Concentrarsi sul proprio lavoro avviando solo l’ applicazione musicale preferita

-Chiudere le connessioni ausiliari (WiFi, Blutooth)

-Disattivare lo screan saver

 

 

Gestire con professionalità un crash

-Rimanere calmi e avviate il lettore Mp3/CD

-Testare accuratamente il sistema

-Rientrare mixando e sfumando (senza dimenticare di sorridere…avete appena evitato una catastrofe…uscendone incolumi)

Edited by Nicholas Francavilla

Share this post


Link to post
Share on other sites

bravo alter ad averlo publicato in italiano perchè sulla home è solo in inglese e non ciò capito niente...

Edited by simonec

Share this post


Link to post
Share on other sites
bravo alter ad averlo publicato in italiano perchè sulla home è solo in inglese e non ciò capito niente...

 

è prorpio quello che volevo leggere :) . è un peccato che ci siano così tanti belli articoli anche approfonditi che magari il pubblico italiano non può apprezzare. Questo è solo una prova per vedere come risponderete....ma ne ho in serbo di moltooooooo piu complessi ed interessanti....mi basta avere un feedback positivo e vedere che serve a qualcosa alla fine....quindiiiiiii....COMMENTATEEEE

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

bhe sono utilissime davvero, se poi abbiamo in "squadra" un inglese come altered siamo aposto
wink1.gif

 

E sta sicuro che questo è solo l'inizio
xD
XD una volta che ho preso il via...non si finisce più
:)
. Ci sono tante di quelle cose che il pubblico italiano dovrebbe sapere....quindi ci penseròò iooo (sboroooneee) ahahahhaah

Share this post


Link to post
Share on other sites

altered sei ammirevole per il fatto che ti prendo la briga di tradurre. Se vuoi io posso dare una mano a tradurre qualche articolo, non ho nessun problema con l'inglese e in più imparo qualcosa di nuovo nel leggerlo.

 

Anche se credo che "il pubblico italiano" dovrebbe saper leggere l'inglese senza problemi dato che è la lingua principale nel mondo

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

altered sei ammirevole per il fatto che ti prendo la briga di tradurre. Se vuoi io posso dare una mano a tradurre qualche articolo, non ho nessun problema con l'inglese e in più imparo qualcosa di nuovo nel leggerlo.

 

Grazie, sono proprio questo tipo di complimenti che mi ripagano del lavoro e mi convincono ancor di più che ci sia bisogno davvero di portare una ventata di aria fresca in generale e cominciare a ragionare in maniera più ampia e non solo come banco informazioni o per recensire nuovi prodotti.

Anche se credo che "il pubblico italiano" dovrebbe saper leggere l'inglese senza problemi dato che è la lingua principale nel mondo

 

In teoria sarebbe vero...ma in realtà purtroppo non è cosi...mi duole dirlo ma siamo molto indietro in questo senso...la verità è che molta gente ragiona in questo modo "stiamo davvero troppo bene qui in Italia...chi ce lo fa fare di imparare altre lingue?"

 

P.s comunque se vuoi dare un mano sarebbe una cosa graditissima, il mio facebook è Nicholas Francavilla e la mia e-mail è scritta nel thread dove richiedo aiutanti...se ne vuoi parlare aggiungimi etc. Grazie dell'interessamento comunque :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ottimo flash, di sicuro sarà illuminante per i tanti che hanno bisogno di ottimizzare le proprie macchine in vista di un'ampliamento digitale della propria consolle!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Trovo i consigli sopra molto molto interessanti!!!!!!!!

A proposito volevo chiedere una cosa: sto iniziando a suonare con Traktor e Ableton insieme (anche se, a dire la verità, sono ancora in alto mare). Per sincronizzare i due programmi ho bisogno di un terzo programma Reaper. Ho un Pc HP Pavilion Intel Core 2 duo T7250 @ 2 gb con 2 GB di ram a 32 bit. Con i tre programmi aperti contemporaneamente posso andare incontro a chrash?

A questo punto: posso andare così? è meglio aumentare la Ram? o mi consigliate di portare un altro pc per tenere Traktor da una parte e Reaper e Ableton dall'altra? (quest'ultima ipotesi è però da considerare come più remota per ovvi motivi economici). Nel caso, come si posso mettere in comunicazione i due pc?

Spero di essere stato chiaro nelle domande.

GRAZIE

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

Trovo i consigli sopra molto molto interessanti!!!!!!!!

A proposito volevo chiedere una cosa: sto iniziando a suonare con Traktor e Ableton insieme (anche se, a dire la verità, sono ancora in alto mare). Per sincronizzare i due programmi ho bisogno di un terzo programma Reaper. Ho un Pc HP Pavilion Intel Core 2 duo T7250 @ 2 gb con 2 GB di ram a 32 bit. Con i tre programmi aperti contemporaneamente posso andare incontro a chrash?

A questo punto: posso andare così? è meglio aumentare la Ram? o mi consigliate di portare un altro pc per tenere Traktor da una parte e Reaper e Ableton dall'altra? (quest'ultima ipotesi è però da considerare come più remota per ovvi motivi economici). Nel caso, come si posso mettere in comunicazione i due pc?

Spero di essere stato chiaro nelle domande.

GRAZIE

 

 

Si, credo che con addirittura tre programmi aperti del genere potresti portare il computer sulla soglia e generare un consistevole numero di crashes. Inoltre, l'audio proveniente da traktor di sicuro ne risentirebbe molto, forse "salterebbe" o cominceresti a notare fastidiosi rumori di sottofondo dovuti ad un eccessivo sforzo del pc. Sarebbe molto meglio aumentare la Ram (un altro giga andrebbe bene...anche perchè più di 3 non vengono sfruttati con un 32 bit)

 

Comunque, si sarebbe meglio avere sempre due pc separati e gli stessi ragazzi di Native Instruments consigliano sempre quel tipo di approccio rispetto a quello con traktor ed altri programmi "linkati" nello stesso computer. Per metterli in comunicazione apri un altro thread separato visto che qui si finirebbe OT e comunque è un procedimento abbastanza "complesso" per spiegarlo in un thread non inerente.

 

Ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie mille per i consigli!!! Ho comunque una precisazione da fare che non sapevo prima. Parlando oggi con l'amico che mi ha venduto il pc da pochissimo ho appreso che il processore è a 64 bit. Cambia qualcosa? Facendo salire la ram a 4 GB (che il processore a 64 bit penso riesca a sfruttare.... ditemi se sbaglio), con un sistema operativo più leggero come Windows 7 a 64 bit si può evitare di acquistare un 'altro Pc senza rischiare crash?

Grazie.

PS: apro un thread per chiedere come collegare più programmi su due differenti pc.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×