Jump to content

Recommended Posts

Il sintetizzatore SYSTEM 1, non la riedizione è dell'SH101, ma della serie SYSTEM, synth modulari degli anni 70.

 

sicuramente la macchina più interessante poichè quella con più possibilità. le altre sono nuove e mi sembrano già vecchie.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anch'io la penso come te, per ora non ho sentito niente di innovativo. Capiamoci con 644£ hai la copia di 303 808 909, compresa interfaccia ottima, divertenti da usare, possibilità di collegare al pc, sequenziare altri strumenti, insomma molto professionali, prezzo molto competitivo, però i suoni che hanno presentato per adesso sono solo quelli classici. E mi sa che per la drum machine rimarranno quelli dopo aver visto il video sotto... pur avendo 16 kit diversi, sono composti da mix di suoni di 808 e 909. Nient'altro...

 

 

Tralasciando il fattore "se suona uguale o no a quelli originali" una electribe è 20 anni avanti per capacità di sintesi e tweeking...

Share this post


Link to post
Share on other sites

2 mesi dopo la presentazione si vedono molte foto di top djs che usano i prodotti aira, vedi Copyright, Morales, Villalobos, Todd Terry, Kenny Dope.... ora io penso che sia tutta pubblicità, perché da quello che leggo nei forum sono pochi quelli che vogliono acquistare! I pareri comunque rimangono molto discordanti sui suoni che tirano fuori. Almeno per la TR8, mentre per la TB3 sembrano molto concordare sul fatto che "non è proprio una replica della tb303!"

Certo che con 700 eurozzi si porta a casa la maschine2 di NI, con tutto il ben di dio di drum (campionati e ora anche da sintetizzare), sampler, VST e una marea di campioni...

Share this post


Link to post
Share on other sites

I pareri comunque rimangono molto discordanti sui suoni che tirano fuori. Almeno per la TR8, mentre per la TB3 sembrano molto concordare sul fatto che "non è proprio una replica della tb303!"

 

si leggono continuamente pareri a riguardo e secondo me quei "topic" sono l'inutilità fatta discussione: le differenze per quanto grandi sono piccole, non sono macchine radicalmente diverse, bene o male (quasi tutte) le cose che fai con una le fai con l'altra. salvo pretendere che una macchina appena acquistata e con una tecnologia diversa a monte suoni come una fatta di resistenze, condensatori e altra roba con 30 anni di corrente alle spalle.

 

Certo che con 700 eurozzi si porta a casa la maschine2 di NI, con tutto il ben di dio di drum (campionati e ora anche da sintetizzare), sampler, VST e una marea di campioni...

 

sono cose abbastanza diverse....

Share this post


Link to post
Share on other sites
pretendere che una macchina appena acquistata e con una tecnologia diversa a monte suoni come una fatta di resistenze, condensatori e altra roba con 30 anni di corrente alle spalle.

Roland ha fatto tutta la campagnia promozionale basandosi sulla tecnologia ACB (Analog circuit behavior), dicendo che replicava perfettamente il sound delle macchine del passato <_<... e alla fine scopriamo che rebirth :P suona più simile della tb ad una 303?

Inoltre non hanno ancora la modalità song mode, e la possibilità di salvare solo 16+16pattern è molto limitante, io ho lo stesso problema con la korg volca beats (solo 8 pattern).

 

Io sarei stato più contento se ci mettevano oltre al brodo della gallina vecchia del sale e del pepe vero sotto quelle interfacce - che saranno fantastiche da usare live visto la quantità di controlli on board - creando delle vere novità. Il paragone con maschine nasce dal fatto che entrambi sono sistemi digitali con un interfaccia dedicata.

Share this post


Link to post
Share on other sites

e alla fine scopriamo che rebirth :P suona più simile della tb ad una 303?

 

qua ci metto un lol. anche se non so se sia vero o meno. :D

 

Io sarei stato più contento se ci mettevano oltre al brodo della gallina vecchia del sale e del pepe vero sotto quelle interfacce

 

sicuramente, ma.... mi pare sotto gli occhi di tutti: è un'innovazione che il mercato non chiede.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao Ragazzi! Dopo anni è ritornata la scimmia sulla spalla e ora mi vedo in possesso di una bella roland Tr-8 :D

E' un gran bel giocattolone!! Sopratutto da usare in live!

Concordo sul fatto che, quel che fa questo gioiellino, non è nulla che non si possa fare con altre macchine o plugin...

Ma vi posso dire che quel che deve fare lo fa in modo semplice e molto bene!

 

Appena ho tempo vedrò di scrivere qualcosa di più esaustivo, ma se avete qualche domanda imminente chiedete pure! ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dopo quasi un anno dal lancio sul mercato roland introduce il primo vero upgrade per la TR8 (già da tempo giravano i rumors): un pacchetto di 30 suoni contenenti le sonorità delle TR707/727, altri 7 di 808/909 e la possibilità di programmare oltre al roll anche i drum flams. L'aggiornamento non è gratuito: sarà disponibile ad un prezzo di 75€.

 

Inoltre nel corso dell'anno sono stati presentati i plugin VST roland SH101 e roland SH-2 che vanno ad ampliare il roland system-1, scaricabili gratuitamente dal sito roland.

Tirando qualche conclusione con 575 euro si porta a casa una drum machine standalone che ha un'interfaccia molto semplice e intuitiva, con dentro 4kit di drum machine icone nella musica elettronica. Manca ancora qualcosa forse... intanto si vede qual'è la direzione intrapresa da roland: "riempire" con espansioni a pagamento la TR8 di quel vuoto iniziale che abbiato sottolineato all'inizio del thread. Speriamo in un "condono" finale.

Share this post


Link to post
Share on other sites

personalmente mi fa ridere che un utente debba pagare 75€ dopo averne spesi 500 per cosa? ah si! i campioni di 707 e 727.

bello vero? soprattutto se si pensa che quei suoni erano (e saranno?) dei PCM con 25khz e 8 bit (alcuni addirituttra 6).

non sto neanche a discutere il quanto siano essi inflazionati perchè non ne usciamo più, ma per pagare 75€ per 16 campioni di bassa risoluzione (e vecchi di 30 anni) bisogna essere dei nostalgici senza possibilità di recupero.

 

grande Roland! quand'è che la smetti con i sintetizzatori e ti dai alle fisarmoniche? ah. a quanto pare si da già alle fisarmoniche.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dai clown, è da 30 anni che si campionano e si usano i suoni di 30 anni fa , mettici pure che oggi chi è quel dj che non è anche producer :eheh:eheh...

Adesso per come la vedo io per creare una traccia ritmica tramite un'ottima interfaccia ci sono 2 soluzioni: o compri un controller + software, e sei sempre legato al computer e scheda audio, oppure cerchi qualcosa di standalone: sul mercato cercando qualcosa con un minimo di sequencer levandoci analog rytm, tempest e jomox, rimane la roland, la nuova electribe, la volca, l'akai wolf e la piccola di mfb, la 522 (che è sempre un clone). A me onestamente l'interfaccia della nuova electribe non è che mi faccia impazzire, la vecchia mi piaceva di più: la volca c'è l'ho e per ora ha un sacco di limiti (ad esempio non puoi programmare un pattern da 2 bar).

L'intefaccia della mfb è moolto streminzita, mentre l'akai ha solo 4 parti di drum. Ora dimmi che scelta dovrebbe fare uno? O risparmia ancora e guarda altre macchine, oppure si accontenta, oppure si cerca sull'usato.

Non condivido neanche io che l'aggiornamento ai suoni 707/727 si paghi, la tr8 è già abbastanza vuota da nuova. E ancora non si possono salvare più di 16 pattern, e neanche concatenare fra di loro.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Dai clown, è da 30 anni che si campionano e si usano i suoni di 30 anni fa

 

ognuno è libero di fare quello che vuole, chiaro. mi arriva solo un gran conato quando leggo "sperimentale" e sento poi una cagata che potrebbe essere stata 20 anni prima sia per metodo, che per approccio\strumentazione e magari anche per genere. ah già, l'elettronica è assiomaticamente sperimentale. asd

 

mettici pure che oggi chi è quel dj che non è anche producer :eheh:eheh...

 

asd asd

 

Adesso per come la vedo io per creare una traccia ritmica tramite un'ottima interfaccia ci sono 2 soluzioni: o compri un controller + software, e sei sempre legato al computer e scheda audio, oppure cerchi qualcosa di standalone: sul mercato cercando qualcosa con un minimo di sequencer levandoci analog rytm, tempest e jomox, rimane la roland, la nuova electribe, la volca, l'akai wolf e la piccola di mfb, la 522 (che è sempre un clone). A me onestamente l'interfaccia della nuova electribe non è che mi faccia impazzire, la vecchia mi piaceva di più: la volca c'è l'ho e per ora ha un sacco di limiti (ad esempio non puoi programmare un pattern da 2 bar).

L'intefaccia della mfb è moolto streminzita, mentre l'akai ha solo 4 parti di drum. Ora dimmi che scelta dovrebbe fare uno? O risparmia ancora e guarda altre macchine, oppure si accontenta, oppure si cerca sull'usato.

 

se si vuole uscire da pc di possibilità ce n'è sempre: elektron, jomox e dsi sono sicuramente valide (e anche di alta fascia).

volendo qualcosa di valido, efficace e cheap: io ho comprato una nord drum per 200€. a patto di conoscere quel minimo di sintesi è una gran bella macchina.

non ha sequencer o altro, vero, ma in ambiente studio (per quanto mi riguarda) è superfluo, ha invece i trig inputs per usarla come modulo di batteria elettronica. (purtroppo non sono endorser nord)

poi.................... usassimo sti benedetti sintetizzatori o registrassimo un po' di più anzichè cercare sempre la pappa pronta. -_-

 

Non condivido neanche io che l'aggiornamento ai suoni 707/727 si paghi, la tr8 è già abbastanza vuota da nuova. E ancora non si possono salvare più di 16 pattern, e neanche concatenare fra di loro.

 

il perchè non abbiano inserito la song mode rimane mistero, lo sveleranno forse i nostri posteri. (ma forse sono anche questi motivi economici) :(

Share this post


Link to post
Share on other sites

Secondo me invece il sequencer on board è una parte fondamentale di una drum machine/groovebox. Ti consente di sfruttare e buttare giù idee istantaneamente. Vedi le "vecchie" korg electribe, che hanno sequencer da favola, facili e intuitivi da usare.

Share this post


Link to post
Share on other sites

si, certo, però in "studio", ci vuole poco ad attaccare un cavo midi e usare quindi il pc e\o un seq di un'altra macchina. senza contare che comunque per la solita legge: una cosa in più si paga in più :toothless(1):

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×