Vai al contenuto
miky.med

Questore di Rimini chiude il Cocoricò per 4 mesi

Messaggi raccomandati

Notizia di ieri che ho volutamente ritardato di 24 ore a condividere con tutti gli utenti del forum, per poter suscitare qualche considerazione in più.

La questione, antica se vogliamo dirla tutta, provoca inevitabilmente due ordini di riflessioni.

La prima riguarda la "metamorfosi" che la tipologia di utenza media di questi locali ha subìto (a mio avviso troppi consumatori di grandi quantità e di troppe diverse qualità di sostanze stupefacenti).

La seconda, purtroppo e senza nascondersi dietro un dito, la mancanza fino ad oggi di una vera volontà di limitare il fenomeno nei locali da ballo, sia da parte delle autorità preposte al controllo e alla lotta allo spaccio/consumo di stupefacenti, sia (il che è più grave, a mio avviso) da parte dei gestori che non hanno mai manifestato la voglia di combattere sul serio questo problema, fregandosene o addirittura quasi invitando a fare uso di schifezze.

È chiaro che un provvedimento del genere sa tanto di bigottismo, e quello che fa più male è che qualche centinaio di lavoratori del Cocoricò rimarrà a spasso per 4 mesi se non di più. Leggetevi la notizia e, se vi va, dite la vostra.

 

http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/08/02/cocorico-questore-chiude-il-locale-per-4-mesi-dopo-morte-16enne-per-ecstasy/1927709/

Modificato da miky.med

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La seconda, purtroppo e senza nascondersi dietro un dito, la mancanza fino ad oggi di una vera volontà di limitare il fenomeno nei locali da ballo, sia da parte delle autorità preposte al controllo e alla lotta allo spaccio/consumo di stupefacenti, sia (il che è più grave, a mio avviso) da parte dei gestori che non hanno mai manifestato la voglia di combattere sul serio questo problema, fregandosene o addirittura quasi invitando a fare uso di schifezze.

 

perfettamente d'accordo, secondo me è proprio questo il punto. e per la solita solfa che.... "tanto se uno vuole drogarsi lo fa comunque". se fossi un gestore (soprattutto di un locale così in vista) direi "fallo pure, ma non in casa mia". che poi per statistica si sa che qualche morto ogni tanto ci scappa, e basta andare indietro di poco per appurarlo.

personalmente della chiusura del cocoricò mi frega poco e mi tocca poco dal punto di vista pratico (ancor di meno su quello artistico), dal punto di vista etico dico che chi ha preso questa decisione avrà avuto le sue buone ragioni, che sono note a chi legge due giornali.

 

ah si, vogliamo parlare della maxi evasione fiscale che c'è dietro? roba da poco?

Modificato da The Clown

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Esatto, forse il Cocoricò era sulla lista nera per fatti antecedenti.

Se vogliamo il riassunto l'ha fatto oggi Coccoluto in una intervista al Fatto Quotidiano:

"...

Tutti abbiamo responsabilità: addetti ai lavori, genitori, società, ma soprattutto lo Stato che dovrebbe agire e contrastare e non lo fa.

Porre rimedio con la chiusura di un locale è ridicolo.

Se poi le motivazioni sono diverse, con il locale che già da anni era un crogiolo di sesso e droga, a maggior ragione andava chiuso prima,

così avremmo evitato anche una morte. Come la giri giri, questa storia è una schifezza.

Quello che è successo è il quadro dell’incompetenza o dell’inadeguatezza dello Stato a combattere il vero nemico, lo spaccio.

..."

In ogni caso un Ministro degli Interni che se ne esce con la frase "Lotta dura ai locali da ballo" non si può sentire.

Così all'estero ci ringrazieranno per l'ennesima volta!

 

Qui il link all'intervista completa

Modificato da miky.med

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sarò scontato, ma per quale motivo non chiudono i palazzi del potere con tutti gli indagati che ci sono? Se usano queste misure per i locali, non vedo il motivo per cui non dovrebbero auto sospendersi.

Modificato da Stefano64

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente registrato per poter lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi Subito

Sei già registrato? Accedi da qui.

Accedi Adesso

×