Jump to content

Recommended Posts

Ciao ragazzi, volevo sapere il setup che usa Marco Carola nelle sue serate, più precisamente il kontrol f1 lo usa solo per gestire gli effetti che fa uscire su un canale del mixer dedicato o lo usa anche come una sorta di campionatore per loop.

E' possibile farlo con il traktor a 4 decks??poi che effetti usa del Traktor?beatmasher?delay e reverb? mi piacerebbe avere la sua stessa configurazione

 

esempio: 

 

 

Grazie in anticipo

Edited by Man

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao ho visto il video (per sommi capi) ma non essendo un utilizzatore di traktor non riesco ad esserti di molto aiuto. Penso, però una cosa. Se fai fatica ad intuire la sua configurazione potrebbe dipendere dal fatto che non è quella a te più congeniale.

Mi spiego, la grande forza dei controller è proprio la versatilità e la possibilitàmdi cucirti addosso la console. Io nella programmazione di una nuova superficie di controllo ho sempre fatto in questo modo: dopo aver collegato il tutto ho iniziato un set ignorando il nuovo controller completamente, poi mano mano secondo l'esigenza, ci aggiungevo la funzione che in quel momento mi serviva, l'effetto o la scorciatoia che magari prima mi andavo a prendere da tastiera e dopo, invece, mi potevo sistemare a portata di mano....

Ovviamente, secondo me, l'idea è quella di configurare un device secondo il tuo modo di fare musica perchè lo scopo del controller è di semplificarti operazioni scomode a tastiera.... perchè complicarsi la vita a copiarsi una configurazione di un altro che magari la trova comoda ma che a me potrebbe rivelarsi illogica.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il ‎21‎/‎04‎/‎2017 at 13:48, The Clown dice:

iperquoto Piè. mai risposta fu più saggia.

Sto migliorando con l'età! :3_grin:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 20/4/2017 at 14:38, Pi3tronik dice:

Ciao ho visto il video (per sommi capi) ma non essendo un utilizzatore di traktor non riesco ad esserti di molto aiuto. Penso, però una cosa. Se fai fatica ad intuire la sua configurazione potrebbe dipendere dal fatto che non è quella a te più congeniale.

Mi spiego, la grande forza dei controller è proprio la versatilità e la possibilitàmdi cucirti addosso la console. Io nella programmazione di una nuova superficie di controllo ho sempre fatto in questo modo: dopo aver collegato il tutto ho iniziato un set ignorando il nuovo controller completamente, poi mano mano secondo l'esigenza, ci aggiungevo la funzione che in quel momento mi serviva, l'effetto o la scorciatoia che magari prima mi andavo a prendere da tastiera e dopo, invece, mi potevo sistemare a portata di mano....

Ovviamente, secondo me, l'idea è quella di configurare un device secondo il tuo modo di fare musica perchè lo scopo del controller è di semplificarti operazioni scomode a tastiera.... perchè complicarsi la vita a copiarsi una configurazione di un altro che magari la trova comoda ma che a me potrebbe rivelarsi illogica.

ok Grazie lo stesso

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dal video mi sembra di capire che usi i pad dell'F1 per controllare i loop (lunghezza del loop, retrigger del loop, ecc.). Non sono sicura, ma dall'altro lato del mixer mi sembra di intuire ci sia anche un X1, sicuramente piu' adatto a gestire i controlli base di Traktor.
Se vuoi fare un setup mixer+portatile con Traktor+ controller piccolo, il mio consiglio e' di partire con un X1, che ti dà i controlli base (play, effetti, eq, ecc. ma anche un controllo base dei loop) e solo successivamente aggiungere altri controller, quando, come diceva Pietronik, ne sentirai l'esigenza in base a quello che vorrai fare.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 20/4/2017 at 14:38, Pi3tronik dice:

Ciao ho visto il video (per sommi capi) ma non essendo un utilizzatore di traktor non riesco ad esserti di molto aiuto. Penso, però una cosa. Se fai fatica ad intuire la sua configurazione potrebbe dipendere dal fatto che non è quella a te più congeniale.

Mi spiego, la grande forza dei controller è proprio la versatilità e la possibilitàmdi cucirti addosso la console. Io nella programmazione di una nuova superficie di controllo ho sempre fatto in questo modo: dopo aver collegato il tutto ho iniziato un set ignorando il nuovo controller completamente, poi mano mano secondo l'esigenza, ci aggiungevo la funzione che in quel momento mi serviva, l'effetto o la scorciatoia che magari prima mi andavo a prendere da tastiera e dopo, invece, mi potevo sistemare a portata di mano....

Ovviamente, secondo me, l'idea è quella di configurare un device secondo il tuo modo di fare musica perchè lo scopo del controller è di semplificarti operazioni scomode a tastiera.... perchè complicarsi la vita a copiarsi una configurazione di un altro che magari la trova comoda ma che a me potrebbe rivelarsi illogica.

Ciao, ti spiego un po! Marco usa un x1 per controllare deck A e B e i rispettivi effetti! 

l'F1 invece la usa come loop machine ! Con una piccola differenza , cioè che con un solo controller F1 pilota due deck (C&D) 

nel deck C cattura loop della traccia del deck A 

nel deck D cattura loop della traccia del deck B 

ricapitolando (guarda immagine)

IMG_2842.JPG

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×